Catania: com’è andata l’ultima volta in Serie D

L'ultima volta che il Catania ha giocato in Serie D, che poi è stata anche la prima e finora unica, non è stata una passeggiata, anche se è finita bene. Il viaggio fra i campi di periferia permise all'epoca di tornare ad abituarsi a vincere consolidando i rapporti fra società,…

Perché Pelligra investe a Catania?

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Extra

Il 24 giugno 2022 il Comune di Catania ha ufficialmente affidato al gruppo australiano Pelligra l'onere di rifondare il Calcio Catania. Ma perché gli imprenditori continuano a puntare sul calcio? Perché un grande gruppo straniero decide di investire in una squadra italiana? E perché proprio su una squadra da rifondare?…

Vi presento Ross Pelligra

Il 24 giugno 2022 il Comune di Catania ha assegnato a Ross Pelligra il compito di rifondare il Calcio Catania. In attesa della notifica da parte degli organi federali, ecco una biografia del patron rossazzurro in pectore. Nato a Melbourne il 7 novembre 1978, Ross Pelligra è presidente della Pelligra…

Il supporters trust inglese

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Extra

Quando si parla di azionariato popolare la mente corre all'Inghilterra, più che alla Germania o alla Spagna. Nel mondo anglosassone l'azionariato popolare è nato come reazione alla crisi finanziaria di molti club, che negli anni '90 ha spinto i tifosi a muoversi. I supporters trust riuniscono tutti coloro che vogliono…

L’azionariato popolare in Spagna

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Extra

Dopo aver visto come l'azionariato popolare sia parte integrante della tradizione calcistica tedesca, pur con qualche contraddizione, vediamo come il fenomeno è regolato in Spagna. Anche in questo caso, la situazione attuale è figlia di una svolta legislativa imposta dall'alto in tempi relativamente recenti. Fino agli '80 infatti, le squadre…

Die 50+1 Regel

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Extra

Prima di parlare di azionariato popolare nel contesto italiano occorre capire come è stato implementato in altri paesi, così da capire perché in molti, dalle nostre parti, ritengono improponibile l'importazione di questo modello di gestione, a meno di apportarvi adattamenti sostanziali. Cominciamo il nostro viaggio dalla Germania, dove l'azionariato popolare…

Azionariato: di cosa si tratta?

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Extra

Nei momenti di crisi come quello, senza precedenti, che sta vivendo il calcio rossazzurro, si parla spesso di azionariato popolare. Non è un argomento facile da affrontare, sia per la complessità della materia, sia perché il modo in cui in concetto è stato declinato finora ai piedi dell'Etna è fuorviante.…

Telegrammi dai play-off

1 giugno 1997 Il Catania imbrigliato dalla Turris Catania-Turris 0-0 Davanti a circa ventimila persone, pericolosamente assiepate negli unici due settori del Cibali già pronti per le Universiadi di agosto, cioè le due curve, il Catania è stato bloccato sul nulla di fatto da una Turris coriacea e ben organizzata.…

Genesi di un derby

Catania e Palermo incrociano gli scarpini per la prima volta in una gara ufficiale il giorno di Natale del 1935, prima solo il prologo di tre amichevoli: nel 1932 Catania batte Palermo 2-1; il 9 settembre del 1934 il Palermo è corsaro a Catania, 3-2; una settimana più tardi i rossazzurri rendono la pariglia ai cugini imponendosi 1-0 al “Littorio”.

Stavolta in palio c’è qualcosa di più di un’affermazione di prestigio, cioè la qualificazione agli ottavi della Coppa Italia, finalmente riesumata dopo la prima edizione datata 1922 e vinta dal Vado Ligure di Levratto. Il torneo, la cui formula scimmiotta quella del più prestigioso omologo inglese, prevede partite ad eliminazione diretta da disputarsi sul campo di una delle due contendenti scelto per sorteggio, che in questo caso ha penalizzato il Palermo. (altro…)

La storia è in libreria

I più attenti lettori di DR ricorderanno un appello che è stato on-line per pochi giorni, circa un anno e mezzo fa. Suonava più o meno così “Scrivi la storia insieme a noi”. Ebbene, potenza di Internet, quell’appello ha permesso a cinque appassionati rossazzurri provvisti di grande pazienza e una buona dose di incoscienza, di intraprendere e portare a termine una lavoro che colma grosse lacune di memoria. Si tratta di: Antonio Buemi, tifoso informatico; Alessandro Russo, nipote del compianto cavaliere Massimino ed appassionato medico e scrittore; Filippo Solarino, pubblicitario, tifoso della prima ora e storico del calcio catanese; Roberto Quartarone, dottore in lingue, tuttofare del web e cestista per passione; e Carlo Fontanelli, papà della GEO Edizioni, casa editrice leader nella realizzazione di almanacchi e depositaria di gran parte della storia del calcio italiano. (altro…)

Fine dei contenuti

Non ci sono altre pagine da caricare