Al momento stai visualizzando Catania-Cerignola, i precedenti

Un unico precedente tra Catania e Cerignola in terra etnea, in una data davvero particolare: giovedì 24 dicembre 1936, 3° turno eliminatorio Coppa Italia maggiore.

Quel dicembre ’36 è tut’taltro che candido per i rossazzuri guidati in panchina da Piero Colombati con ambizioni di promozione in A. Due sconfitte in trasferta prima a Viareggio contro la Vezio Parducci (3-1) e poi a Cremona (2-1) tarpano le ali alla neonata “A.C.F. Catania” presieduta da Vittorio Emanuele Brusca. La Coppa Italia giunge a fagiolo per far passare un buon cenone di Natale ai catanesi: il Cerignola resiste però ben 82 minuti allorché l’arbitro Misasi di Cosenza indica il dischetto per accordare la massima punizione. Cocò Nicolosi rischia di farsi ipnotizzare dal guardiapali dàuno Barsanti, ma alla fine la pesante sfera di cuoio penetra il rettangolo di porta e permette al Catania di passare in vantaggio e vincere qualificandosi ai sedicesimi di finale.

Aggiungiamo che, nonostante la stagione sarà funerea, quel Catania a tratti “scarso e ignudo” eliminerà dalla Coppa anche la Fiorentina e la Sampierdarenese in due epiche partite tutte da ricordare.

 

Catania-Cerignola 1-0

3° turno Coppa Italia

Catania, stadio dei Cent’Anni. 24 dicembre 1936

CATANIA: Sernagiotto-Sinibaldi-Bedendo-De Bortoli-Micossi-Bettini II-Pandolfini-Mihalich-Brossi-Casanova-Nicolosi.
CERIGNOLA: Barsanti-Garvini-Desta-Ciuti-Mazzoleni-Masula-Giancastro-De Viri-Molena-Marrazza-Surra.
ARBITRO: Misasi (Cosenza)
RETE: 82° Nicolosi (rigore).

 

In copertina: una formazione del Catania 1936/37, tratta dal libro “Tutto il Catania minuto per minuto”.

 

 

Cutelliano di "lungo corso" (7 anni), poi universitario a lettere moderne. Ha fatto radio quotidianamente dal 2005 al 2010 e poi a spicchi negli anni seguenti. Film calcistici del cuore: "L'arbitro" (2013) con Stefano Accorsi e "Il presidente del Borgorosso F.C.".