Al momento stai visualizzando Gennaro e Salvatore Monaco e gli altri: rossazzurri di padre in figlio

L’ultimo acquisto del Catania FC è Salvatore Monaco, nato a Napoli il 15 agosto 1992. È un figlio d’arte, come nello sport ce ne sono innumerevoli, ma il papà Gennaro ha una particolarità: è immortalato dal murale all’esterno dello stadio Massimino perché è stato una bandiera della società etnea, conquistando le promozioni in C1 del ‘99 e in B del ‘02 e, quindi, ha vestito la maglia rossazzurra in tre delle quattro categorie professionistiche di allora. Di padre in figlio in rossazzurro: in pochissimi possono dire d’aver fatto questa trafila.

FAMIGLIA MOSTI. Gli unici ad aver fatto un’esperienza papà-figlio nel Catania e ad aver entrambi esordito in prima squadra sono Pier Giuseppe e Luca Mosti. Nato a Massa il 24 aprile 1955, il papà giocò in rossazzurro dal 1980 al 1985, tra Serie B (vinta negli spareggi di Roma dell’83) e Serie A. Il suo score è 165 presenze e 9 reti, che lo colloca al 24º posto come giocatore con più presenze in rossazzurro e al quarto posto come difensore più prolifico (dopo Polenta, Del Vecchio e Pedrinho). Il figlio è nato il 10 dicembre 1978 e ha vestito il rossazzurro solo nella vittoriosa stagione di CND del 1994-’95. Luca ha un particolare record: ha esordito a 15 anni e 268 giorni e segnato la prima rete a 15 anni e 282 giorni. Il suo allenatore era… papà Pier Giuseppe, che iniziò la stagione prima che gli subentrasse Angelo Busetta.

Pier Giuseppe e Luca Mosti Catania
Pier Giuseppe Mosti e suo figlio Luca (TCMPM e Calciatori.com)

 

FIGLI DELLO STAFF. Il magazziniere Turi Calanna, nato il 10 ottobre 1935, è stato nell’orbita della prima squadra dal 1952 al 1962, giocando in Prima Divisione e nei Cadetti per un totale di 57 presenze e 4 gol; il figlio Roberto, nato il 17 settembre 1957, ha esordito in prima squadra nel 1979-’80 e disputato vari anni in Primavera (50 presenze e 8 gol tra il ‘74 e il ‘79). Il papà era Toruccio, il figlio è Claudio: la dinastia Galletta ha messo in campo il medico sociale dei rossazzurri negli anni settanta-ottanta e il terzino della Primavera che nel biennio 1985-1987 ebbe l’occasione di esordire in B (due presenze) e giocare titolare in Coppa (sei gettoni). Claudio Galletta è nato a Catania il 3 novembre 1967.

FIGLI ROSSAZZURRINI. Vari ex calciatori hanno avuto dei figli che hanno vestito la maglia della Primavera rossazzurra. Si parte con Carmelo Di Bella, figlio dell’omonimo mister degli anni d’oro di Serie A negli anni sessanta: 15 presenze per lui in Primavera tra il 1964 e il 1966. Situazione simile per Gianluca Maran, figlio di Rolando: nato a Trento il 31 maggio del 1994, il figlio del mister che ha ottenuto il miglior risultato storico in Serie A ha disputato dieci partite nel finale della stagione Primavera 2012-’13. Sidney Cunha, detto Cinesinho: il figlio omonimo (nato il 15 giugno 1961) giocò 10 presenze nella primavera rossazzurra del 1980-’81. Sarebbe dovuto essere un rinforzo per la squadra che disputava la Serie B, ma evidentemente finì per essere bocciato da mister Guido Mazzetti. Ezequiel Carboni ha avuto due figli in maglia etnea: Franco (nato il 4 aprile 2003) e Valentín (nato il 5 marzo 2005), entrambi nella Berretti 2019-’20. Oggi Valentín ha tanto spazio nel Monza, in Serie A. Un’esperienza nei Berretti tra il 2015 e il 2017 ce l’ha anche Orazio Pannitteri (nato a Catania il 17 agosto 1999), figlio di Antonino detto “Ciccio” che vestì il rossazzurro nel 1996-’97, e recente avversario con la maglia del Crotone. Nell’andata della semifinale di Coppa Italia contro il Rimini, proprio quest’anno è stato convocato il portiere Ettore Donato, nato il 12 giugno 2005, il cui papà Biagio, anch’egli portiere, era il rincalzo di Rescigno nel 1993-’94, in Eccellenza, senza mai esordire.

Cinesinho padre e figlio
Cinesinho senior e junior (archivio TCMPM)

 

ANCHE MASSIMINO JR. Alfio Massimino, figlio del presidentissimo Angelo, ha avuto un’esperienza nella Primavera rossazzurra tra il 1988 e il 1990 (10 presenze totali). C’è qualche altro caso di padri/figli sempre in Primavera (Roberto e Samuele Bonaccorsi). Infine, si ricordano i due fisioterapisti Ferruccio e Antonino Pallotta, che hanno entrambi lavorato con la prima squadra.

PADRI E FIGLIE. Non perdetevi lo speciale padri e figlie che hanno giocato a calcio femminile a Catania, firmato da Sergio Capizzi – a cui vanno i ringraziamenti per vari spunti in questo pezzo – e dedicato ai Sernagiotto, agli Arculeo, ai Molon e ai Calvanese.

 

In copertina: Salvatore Monaco davanti al murale del padre Gennaro (foto canali social del Catania FC).

 

 

Giornalista e insegnante d'inglese, è tra gli autori di "Tutto il Catania minuto per minuto" e varie pubblicazioni di calcio e basket.